Per i vegetariani: attenzione al pane con lo strutto!

maiale_strutto_alimentazioneQuesto articolo è per i vegetariani ma anche per i vegani che sono all’inizio della loro nuova alimentazione. Se hai smesso di mangiare la carne e vuoi essere certo di non mangiarne nemmeno in altri alimenti, fai attenzione al pane. In molti tipi di pane c’è lo strutto che viene ottenuto per fusione dei grassi presenti nel tessuto adiposo del maiale.

A livello industriale ed anche artigianale, lo strutto viene utilizzato per produrre pane, pizza, taralli ed altri prodotti poiché li rende più friabili, aumenta il volume dell’impasto e rallenta la perdita di umidità. Viene usato anche in pasticceria nella preparazione di vari dolciumi e persino nella produzione delle sfoglie per dolci. Lo strutto è presente anche nella piadina marchigiana e romagnola, in alcune brioches e nei cannoli siciliani.

A volte è presente tra gli ingredienti definiti “miglioratori“, quindi attenzione alle etichette! Mi è capitato di trovare locali con diversi tipi di focacce tutte con lo strutto, ti suggerisco di chiedere sempre se è presente lo strutto prima di acquistare, ovviamente se anche tu non vuoi lo strutto nel tuo stomaco.

Il problema è che non è facile essere certi di cosa ci sia realmente nel cibo che compriamo, meglio dunque evitare il pane confezionato e se possibile procurarsi un’impastatrice e farlo in casa. Io la utilizzo anche per fare la pizza e il mio adorato seitan!

Evitare di ingerire il maiale è molto difficile, anch’io a volte ci sono cascata e chissà in quanti altri prodotti è presente lo strutto con un nome o un codice che ancora non conosco. Per questo ho deciso di continuare a cercare informazioni per chi come me ha scelto di eliminare gli animali dal piatto e di lasciarli vivere. Dal profondo del cuore, credo che il pane sia uno dei tanti alimenti che dimostrano che non c’è alcun motivo di far soffrire gli animali per mangiare bene, visto che il pane è buonissimo anche senza strutto.

 

fonte: Wikipedia



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook