Preparare il seitan è semplicissimo!

seitanIl seitan è una di quelle ricette più difficili da spiegare che da fare. Per evitare che alcune persone si scoraggino e rinuncino, lo spiego in modo più semplice possibile. L’ideale è avere un’impastatrice elettrica, se non ce l’hai puoi impastarlo a mano.. ci metterai qualche minuto in più e farai
fare un po’ di ginnastica alle braccia :-)

Metti nell’impastatrice 600 cc di acqua, aggiungi 1 kg di farina manitoba e imposta il programma dell’impastatrice. Dopo qualche minuto l’impasto è pronto e puoi metterlo a bagno in acqua per un paio di ore. Se lo impasti a mano utilizza una terrina e poi trasferisci l’impasto su un piano infarinato e continua a mescolare fino a quando sarà morbido ma non appiccicoso. Passate le due ore dall’ammollo mettilo in un colapasta e inizia a divertirti sciacquandolo sotto l’acqua, trovo sia piacevole e anti stress tirare da tutte le parti quel composto morbidoso!

Quando vedi che l’acqua che va giù per il lavandino inizia ad essere piuttosto limpida, puoi smettere di sciacquarlo. (Ora che ho un po’ di esperienza ci metto pochissimi minuti). Mettilo a cuocere in una pentola a pressione ricoperto di acqua, con il sale e se vuoi anche 1 spicchio di aglio. Accendi il fuoco e quando la pentola inizia a fischiare abbassa un po’ la fiamma (non troppo) e lascia cuocere per 40 minuti. Il seitan è pronto!

seitan-autoprodottoNella foto qui a sinistra vedi il seitan dopo la cottura. Ora puoi cucinarlo come vuoi, oppure metterlo in un contenitore ermetico, aggiungere un po’ di salsa di soia e riporlo in frigo.

Con il seitan puoi preparare tantissimi piatti, ecco qualche esempio:

 



3 pensieri su “Preparare il seitan è semplicissimo!

  1. Pingback: Cosa fare con gli avanzi di filato » Uncinetto Crochet

  2. Eldiau

    Ciao, ho provato a fare il seitan anche io seguendo questa ricetta ed e’ venuto buonissimo! E’ incredibilmente facile da fare, sono vegano da anni e lo ho sempre mangiato molto poco perche mi dava l’idea di un cibo molto processato, farlo con le proprie mani cambia molto la prospettiva.
    Incredibile com si trasforma nelle varie fasi e come si espande in cottura
    Ora sperimentero’ con vari tipi di brodo e spezie per vedere come cabia il gusto, voglio anche provare a cuocerlo chiuso in un canovaccio per veder come cambia la consistenza.
    Grazie per l’Ispirazione!!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook