Cosa c’entra il macello con latte e formaggio?

latte e formaggioHo pubblicato su facebook un post rivolto ai vegetariani, era un video che riprende una mucca che sta aspettando il suo turno prima di essere macellata. Ho sottolineato che questo capita anche perché i vegetariani non riescono a rinunciare al latte e al formaggio. La mucca quindi deve SOFFRIRE e MORIRE perché i vegetariani devono GODERE, atteggiamento che considero decisamente EGOISTICO e CRUDELE. Una persona mi risponde così: “Io sono vegetariana da qualche anno, non sono vegana ma in ogni caso il latte non lo bevo, formaggi ne mangio pochissimi e uova quasi niente e quando capita sono uova di galline che io stessa vedo in piena libertà, non uso pellicce e cerco di evitare gli accessori in pelle, però non mi sembra giusto che si dica che le povere mucche vengono uccise perché c’è chi beve il latte”.

Poco dopo un’altra persona scrive: “Ma scusa cosa c’entra il macello con latte e formaggio? Scusa l’ignoranza, non ci arrivo proprio…”

Più tardi sono arrivati altri commenti simili e sono rimasta perplessa, non tanto per la non conoscenza di queste tematiche ma per il fatto che almeno un paio di quelle persone sono contatti facebook da tempo e condividono spesso i nostri articoli sulla scelta vegan, quindi credevo avessero letto che per produrre il latte gli animali vengono sfruttati ed uccisi, invece mi sbagliavo. A quel punto mi sono chiesta perché le persone condividono gli articoli di altri senza leggerne il contenuto. In questo modo che utilità hanno i social network? Per me i social servono soprattutto come strumento di informazione e non solo per mandarsi i facciotti in chat“. Va beh ognuno faccia come preferisce, io intanto non ho potuto fare a meno di rispondere alla loro domanda sul latte:Cosa c’entra il macello con latte e formaggio”? Ho spiegato loro, con tanto di video e articoli, che per produrre il latte i vitellini vengono ammazzati a pochi mesi di vita ed in seguito anche le mucche vengono uccise.

latte formaggio e macelloUna di loro ha risposto così: “Di questo sono consapevole ma, purtroppo i vitellini e le mucche vengono uccisi comunque per la loro carne, anche se non si consuma il latte, quindi quello che voglio dire è che in ogni caso, con o senza il consumo di latte, questi poveri animali verranno uccisi”.

La mia risposta è stata questa: “Quindi se un pedofilo uccide un bambino dopo averlo violentato, tanto vale che contribuisco a violentarlo anche se indirettamente? Tanto lui l’avrebbe ucciso lo stesso”.
Può sembrare un po’ eccessivo ma non lo è, un bambino soffre quanto un vitello o un altro animale!
Le ho spiegato che la mucca per produrre il latte deve essere ingravidata artificialmente, che significa stuprata, poi quando nasce il vitellino, le viene strappato e a lui non viene permesso di bere il SUO latte, perché devono venderlo a chi lo beve e a chi mangia il formaggio. Le donne in quanto mamme o possibili mamme, non dovrebbero giustificare questa violenza, dovrebbero anzi comprendere ancor prima degli uomini quanto può essere doloroso vedersi strappare i propri figli ed essere stuprata e sfruttata in continuazione fino al momento in cui non sarai più produttiva e verrai portata al macello.
Oltretutto il latte di altre specie e di conseguenza anche il formaggio non sono adatti alla nostra salute, quindi perché continuare? Forse perché non si riesce a rinunciare al sapore o alla puzza del formaggio?

Se tutti diventassimo vegani gli animali smetterebbero di essere uccisi. Ognuno faccia la sua parte. Io faccio la mia, tu fai la tua e così via. Ma smettiamo di trovare scuse, pensiamo a quello che facciamo noi stessi e non a quello che fanno gli altri. Come spiegato anche in questo articolo, tutte le strade portano al macello. Noi però possiamo decidere se contribuire oppure no a tutta questa sofferenza. Io ho deciso, e tu?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook