Archivi tag: pellicce

L’orrore dei macelli di cani in Cina

violenza_tristezzaFaccio mie le parole pronunciate da Bernard Rollin, docente di Scienze Animali e Biomediche alla State University of Colorado: “Questo video dei macelli di cane è il peggiore, il più spietato e orribile che abbia mai visto in vita mia”. Nei macelli di cani a Jiangmen e Zhanjiang, in Cina, la pietà è sconosciuta, esistono soltanto mostri dalle sembianze umane. Soltanto ad Hong Kong è proibito mangiare carne di cane, mentre in tutto il resto della Cina se ne fa un gran uso. Continua a leggere

Ogni anno in Italia 15.000 gatti diventano imbottitura per giubbotti!

pellicce_cappelli_cane_gatto_coniglioOgni anno 15.000 gatti in Italia vengono rapiti e uccisi per farne pellicce e cappelli, confezionati clandestinamente da laboratori cinesi illegali. Quelli più a rischio sono i gatti dal pelo nero, perché il colore unico è di più facile lavorazione. Non compriamo capi e giubbotti con risvolti e colletti in pelo se non vogliamo indossare le spoglie che hanno rivestito la vita dei gatti, mai potrei sopportare di indossarne uno. Continua a leggere

C’è un killer nascosto negli inserti di pellicce delle linee baby

bambini_inserti_pelliccia_veleniTorno soltanto dopo pochi giorni sull’argomento scottante degli inserti in pelliccia usati per arricchire i capi di abbigliamento per bambini da 18 mesi a 12 anni. La Lav ha denunciato cinque marchi famosi perché nei loro modelli sono state trovate tracce di sostanze chimiche pericolose per la salute. Continua a leggere

Mamme e papà occhio alla pubblicità!

mamme_papà_pellicce_bambiniGli inserti in pelliccia non risparmiano neppure la salute dei bambini, infatti in giubbotti, giacche e piumini della linea per i piccoli dai 18 mesi ai 12 anni, dagli esami di laboratorio è emerso qualcosa a dir poco inquietante, tanto che il presidente della Lav ha ritenuto di dover chiedere l’intervento immediato del ministero della Sanità e dei NAS. Continua a leggere

Essere donna è una vergogna se indossi una pelliccia di Astrakan!

astrakan_karakulA dire il vero mi vergognerei a indossare un qualsiasi tipo di pelliccia, anche perché ho abbastanza esperienza per essermi accorta che la mia bellezza non viene valutata dagli uomini in base a quanti peli di altri animali ho addosso. La vanità femminile incentiva la morte degli agnellini e delle loro mamme che vengono uccise per estrarne il feto alcuni giorni prima della nascita naturale, il piccolo verrà scuoiato vivo ed i suoi resti, come quelli della sua mamma, buttati come semplice spazzatura. Continua a leggere

Noi donne siamo belle, non serve indossare una pelliccia

donna_bambinoAnimali al contrattacco è il nome di una manifestazione di un gruppo di attivisti che ha sfilato per le vie di Salerno con striscioni che riportavano lo slogan “la morte non è di moda” ed io aggiungerei “certa moda è la morte”, visto che gli animali vengono torturati e scuoiati vivi. Non smetterò mai di contestare l’uso delle pellicce e le industrie che le producono, colpevoli di investire e di lucrare sulla crudeltà. Queste aziende io le paragono a moderni vampiri sponzorizzati da donne che pensano di essere belle in lugubri pelli. Ma noi donne siamo anche madri amorose che diamo la vita, dunque è un vero controsenso se partecipiamo a questo orribile gioco Continua a leggere

Restituiamo il nome agli animali!

visone_stop_pellicceUmani, compagni di mondo, ma dove stiamo andando? Cosa stiamo combinando? Propongo con tutto il cuore di restituire il nome agli animali, non possiamo sfruttarli per arricchirci e poi addirittura cancellarli come se non fossero mai esistiti. Mi riferisco ad un fatto accaduto ieri, stavo cercando un’immagine da inserire nell’articolo che parla delle pellicce, cercavo la foto di un visone Continua a leggere

Aboliamo le pellicce!

pellicce sinteticheAIDAA chiede all’Europa che le pellicce, i capi di abbigliamento e le calzature in pelle vengano messe al più presto al bando. Per tale ragione ha inviato la proposta alla commissione petizioni del Parlamento Europeo, chiedendo inoltre che ne venga abolita anche la pubblicità. Certamente dietro all’industria della pelliccia c’è un gran giro d’affari, tutto denaro lucrato sul dolore e la vita spezzata di animali allevati proprio per questo, più che condannabile scopo. Non si pongono certo molte domande le persone dedite a questi massacri, che compiono così freddamente e abitualmente da considerarli routine. Continua a leggere