Il coraggio di un prete in difesa degli animali

Quando l’ho letto mi sono venute le lacrime agli occhi per la gioia, perchè secondo me questa è una Grande notizia..

Il prete cattolico austriaco Tomasz Jaeschke, 7 mesi fa aveva scritto una lettera al Papa, pregando l’Istituzione della Chiesa di non tacere oltre sulla sofferenza degli animali. Non avendo ricevuto risposta, il prete ha deciso di recarsi a Roma il 1 ottobre. Si tratterrá nelle vicinanze di Roma per i primi due giorni, in silenzio, digiunando, meditando e benedicendo gli animali. Il 4 ottobre, il giorno di San Francesco d’Assisi, Tomasz Jaeschke si troverá davanti all’ingresso del Vaticano, per benedire gli animali, ed infine consegnerà la sua lettera al Papa.

“Santo Padre, non possiamo piú ignorare! Profondamente preoccupato per la sorte degli animali nostri fratelli e sorelle, con la mia lettera del 01-02-2011, ho pregato il Vaticano (Papa Benedetto XVI) ad una riflessione collettiva. Non avendo ricevuto alcun riscontro, ho deciso di recarmi io stesso a Roma. Il 4 ottobre (giorno di San Francesco d´Assisi) mi siederò all’ingresso del Vaticano, in Piazza San Pietro, e benedirò gli animali che passano o che mi verranno portati. Non si puó piú ignorare, è tempo di dare un chiaro segnale, questo lo dobbiamo ai nostri fratelli e sorelle, gli animali. Questo é il motivo della mia venuta a Roma. Alle mie spalle non vi è alcuna organizzazione, né persona privata. La mia è una “reazione” spontanea, una necessità del cuore per la grande preoccupazione verso i nostri piccoli fratelli e sorelle, gli animali”.

Altre volte in passato la Chiesa era stata esortata, attraverso alcune lettere, a prendere coscienza della propria responsabilitá sia morale che etica e religiosa verso gli animali e l’ambiente, ed a ricordare ai suoi fedeli che anche gli animali sono creature di Dio.

L’indifferenza della Chiesa rispetto a questo argomento ha rappresentato una grande delusione per molti amanti degli animali, costringendoli a darle le spalle. La mancanza di un messaggio ai fedeli da parte della Chiesa su un argomento a loro caro, non li fa piú sentire a proprio agio nella loro stessa Chiesa. Il prete cattolico Tomasz Jaeschke vede nel cristianesimo ancora un grande potenziale (inutilizzato) da non sottovalutare e che dovremmo assolutamente sfruttare.

Tomasz Jaeschke dice:  “io credo al bene nell’uomo e credo che tanti piccoli uomini in tanti piccoli luoghi possano cambiare il mondo di domani, perché conosco molti cristiani a cui la sofferenza degli animali spezza il cuore, e che non si sentono compresi dalla loro stessa Chiesa. Essi soffrono perchè la loro Chiesa ha voltato le spalle agli animali e li ha abbandonati alle proprie pene. Perchè so che anche per Gesù, la pena degli animali rappresenta una spina nel cuore ed ha per loro compassione.

Come teologo, pastore d’anime e cristiano non posso piú stare a guardare inerte, davanti al grido di aiuto di creature inermi, miei fratelli e sorelle più piccoli. Perché li voglio avere al centro della mia Chiesa accanto ai bambini, agli emarginati e ai malati. Desidero portarci a riflettere, indurci a riflessioni sia a livello teologico che anche sul piano dell’etica cristiana e della morale cattolica”.

Il sacerdote austriaco invita a parteciparvi il capo della Chiesa cattolica insieme a tutta la Chiesa. Egli esorta il Papa Benedetto XVI e tutta la sua gerarchia ecclesiastica ad esprimere un’opinione in merito. I primi 2 giorni il prete sarà a disposizione dei canili, se desiderato. Rimarrà in silenzio, questo ha per lui un significato simbolico. Rinuncia alla comunicazione verbale, facendo affidamento sulla gestualità ed il linguaggio del corpo, rivolgendosi all’empatia e alla compassione della gente, quell’empatia e quella compassione cosí determinanti per la morte o la vita, cosí cruciali per una vita felice o misera dei nostri piccoli fratelli e sorelle.

Il terzo giorno, l’uomo sara disponibile a comunicare con la gente in tedesco o in polacco, cosí come in italiano e in inglese, se sará reperibile un interprete. Per passare la notte, necessita solo di un canile, un materasso in un angolo accanto agli animali è sufficiente.

Dice di non aspettarsi alcuno scalpore, per lui è una missione molto importante e rappresenta un desiderio del cuore; il desiderio è quello di dare dei segnali chiari, anche se non verra veramente ascoltato o preso sul serio. Il percorso diventa l’obiettivo. Il prete austriaco ha detto anche: “Poiché siamo convinti che animali e bambini si appartengano, vi preghiamo anche del sostegno dei vostri bambini. Scrivete una cartolina al Papa, pregandolo di aiutare e proteggere tutte le creature di Dio, oppure disegnate il vostro animale preferito per dimostrargli quanto sia importante per voi che gli animali stiano bene. Inviate la cartolina, il tuo disegno o la tua lettera a questo indirizzo: Birgit Lewe “Quo vadis Vaticano?” Christinenhöh 7 –  25926 Ladelund Germany. Faremo pervenire tutte le cartoline, i disegni, le lettere e le firme inviate al prete che le consegnerà. Spargete l’informazione su questa iniziativa il più possibile e sollecitate gli amici degli animali ad aiutare… Cari amici degli animali, questa iniziativa è unica e potrebbe portare la Chiesa ad una dichiarazione sull’argomento, grazie all’attenzione dei media.

Il coinvolgimento della Chiesa a difesa degli animali e di tutto il nostro pianeta Terra, potrebbe evitare tanto dolore soprattutto in quei paesi in cui la maggioranza degli abitanti è di fede cattolica e dove, peró, vengono commessi tanti maltrattamenti degli animali.

Vi preghiamo perciò urgentemente di aiutarci! C’è da auspicarsi che questo prete non venga lasciato solo durante la sua pacifica ma decisa dimostrazione con la presenza fisica accanto a lui di molte persone, e che venga data la massima visibilità da media e stampa a questo avvenimento epocale.

Mai nessun prete prima d’ora aveva fatto una cosa simile, anche se esiste un prete carismatico, Don Primo Poggi della Cattedrale di Centurano (Caserta) che celebra Messa con i suoi cani accovacciati vicino all’altare. Sta davvero cambiando qualcosa?

Se tutta la Chiesa avesse lo stesso atteggiamento di questo prete, quanti animali si salverebbero!

Articolo di Laura Girotti



72 pensieri su “Il coraggio di un prete in difesa degli animali

    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Dora, grazie per quello che hai scritto, spero di vedere anche te a Roma.. ma se non potrai porterò con me il tuo abbraccio :)

      Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Silvia, evviva la vita in ogni sua forma.. evviva le persone come te che hanno il coraggio di condividere i propri pensieri. Grazie :)

      Rispondi
  1. Pingback: Anonimo

  2. Gabriella

    Grazie Padre Tomasz per quello che fa, sono con lei completamente, d’ora in poi seguirò il suo sito, se posso condivido il suo amore e le sue speranze

    Gabriella

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      grazie Gabriella, anch’io stimo moltissimo quest’uomo e, anche se ci sarà molta gente, spero di riuscire ad incontrarlo di persona a Roma.. non vedo l’ora! :-)

      Rispondi
  3. Carmen

    Ciao, sarei proprio curiosa di vedere cosa mangia il Papa e tutta la sua “corte” di vescovi ecc… Non si può levare loro il cibo dai piatti, ma che siamo matti!? Da Cristiana pongo fiducia e speranza in un prete che tanto ha compreso le mie urla e farò di tutto per essere a Roma, nonostante con la chiesa e chi ne fa parte ho perso ogni speranza. Penso e faccio bene a credere che sia anch’essa una mafia, la malattia che divora l’Italia. Saluti (esprimo solo il mio pensiero)

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Carmen! ti sento molto vicina. Credo di capire la tua sfiducia nei confronti della chiesa, anzi credo siano in molti, soprattutto gli amici degli animali, ma non solo, a pensarla come te. Eppure anch’io, come Tomasz Jeschke, credo che la chiesa abbia ancora un forte potenziale, ancora da sfruttare. Mi guarderò intorno e ti cercherò con gli occhi, anche se non so come sei fatta.. ci credi che ho la pelle d’oca mentre ti scrivo queste cose? e cerco di trattenere una lacrimina.. grazie, sei riuscita ad emozionarmi. Ti abbraccio

      Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Julia, mi piace quello che state facendo.. ho firmato la petizione ed ora la faccio girare nei social, Grazieeeee :D

      Rispondi
  4. Mario

    Il Papa attuale tiene gatti nella sua stanza del Vaticano, quindi ama gli animali, ma ufficialmente non puo’ parlare perche’ ci sarebbe sempre qualcuno che lo criticherebbe dicendo “con tutta la gente che muore di fame…. “. Comunque in passato la Chiesa ha preso posizione contro il maltrattamento degli animali.

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Mario, se è vero che Il Papa tiene i gatti nella sua stanza lo stimo tantissimo! e se in nome dell’Amore trovasse il modo ed il coraggio di parlare nonostante le difficoltà, lo stimerei all’infinito! e andrei di persona a complimentarmi, sicuramente accompagnata da una marea di persone che gli chiederbbero scusa per averlo sottovalutato. Per il Papa sarebbe l’inizio di qualcosa di Grande e non solo per lui. Questo è il mio pensiero.

      Se credo davvero in qualcosa, in un gruppo o istituzione a cui faccio parte.. o ci sto dentro, oppure (se ho qualche dubbio che non voglio approfondire) me ne sto fuori, oppure ne esco). Per me la Coerenza è al primo posto perchè è l’espressione di noi stessi. grazie Mario per il commento, l’ho apprezzato davvero Tanto.

      Rispondi
      1. Anna

        La notizia che il Santo Padre ama i gatti è vera. Quando era Cardinale nel suo appartamento viveva con 2 gatti ma non so se le due bestiole ora si siano trasferite in San Pietro per fare compagnia all’illustre padrone di casa.
        Ciao.
        PS Un poco per volta causa lavoro, casa, spesa, pelosi prepotenti di casa e di cortile sto leggendo i tuoi scritti che trovo davvero interessanti e di gradevole comprensione. Continua così-
        Anna, Doggy e Mimì che ora sta in finestra a flirtare con la gattina del condominio.

        Rispondi
  5. Rosa Belli

    Ciao, Laura, aspetto che ci sia tanta gente lì il 04 ottobre!

    Ma, io non riesco a trovare il sito del padre Tomasz Jeschke. C’é un altro indirizzo? Io ho saputo solo di questo, nella lettera publicata nel sito della Stampa. it: “http:/www.tomanimalpastor.eu”

    Grazie!

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Rosa, ti ho risposto su Facebook.. peccato, piacerebbe anche a me vedere il suo sito. Se lo trovi mi fai sapere per favore? grazieee :) Io sento che ci sarà tantissima gente.. anzi mi chiedo “ci staremo tutti?” :D

      Rispondi
  6. vittoria

    Laura grazie per avere avuto il coraggio di proporre e fare girare questo articolo.Bisogna sicuramente fare sentire tutta la nostra solidarietà a questa persona stupenda che con forza e coraggio , chiede aiuto per gli animali, a gran voce e in prima persona.Prete umile e meraviglioso sulle orme di San francesco! Se tanti altri preti lo seguissero sarebbe bellissimo….

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Vittoria, grazie per il bellissimo commento. Io spero che lo seguano in tanti (mi riferisco ai preti).. Secondo me ora ci vuole l’ottimismo di tutti.. il pensiero positivo.. The Secret, ricordi? :) Ti abbraccio forte

      Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Gabriella, grazie per aver firmato.. in questo momento mi viene in mente una vecchia canzone di Umberto Tozzi “Gli altri siamo noi” :) la ricordi? Ecco, io credo che molte persone abbiano perso la fiducia nei confronti della chiesa, però vedo che siamo in tanti a condividere eventi come questo. Io insisto nel dire che la Condivisione è davvero contagiosa e il web oggi ci dà enormi possibilità di crescere, sia con noi stessi che nella collettività. Significa che in fondo le speranze le abbiamo ancora e, se in pochi iniziano a fare il primo passo, è sicuro che ce ne saranno altri.. ha ragione Tozzi, gli altri siamo noi. Grazie di cuore Gabriella

      Rispondi
  7. Patrizia

    ci vorrebbe un miracolo, pero’ sono accaduti nei tempi antichi con il Maestro Gesu’ e tutti gli altri in seguito, ancora accadono quando ci facciamo toccare dall’amore, gli animali sono nostri fratelli e sorelle, non cibo per il nostro stomaco…in bocca al lupo al Sacerdote Tomasz Jeschke.
    un abbraccio
    Patrizia

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      Patrizia hai detto la frase che più mi ha colpito di tutto il discorso, “gli animali sono i nostri fratellini da proteggere”. Ti abbraccio anch’io

      Rispondi
      1. Lauralaura Autore articolo

        Patrizia ho dimenticato di dirti una cosa importantissima: io credo ancora nei miracoli e spero tanto che ci creda anche tu. Un altro abbraccio. ciao :)

        Rispondi
  8. Marilyn

    Re mario, Ho sentito anche io che il papa tiene il gatto nella sua stanza ma vorrei che la chiesa in genere parlase degli animali, loro non possono parlare.
    Comunque è grande il padre Tomasz Jeschke deve amare tanto gli animali!!

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Marilyn, mi piace il tuo commento. Era rivolto a Mario ma ho sentito il bisogno di ringraziarti per quello che hai scritto: “vorrei che la chiesa in genere parlase degli animali, loro non possono parlare” .. Bellissimo! Grazie. Ti abbraccio :)

      Rispondi
  9. Marco

    Guardate che è inutile manifestare per gli animali se non si costruisce l’uomo.
    La chiesa tende a costruire l’uomo, che di conseguenza rispetta il creato. Non bastano movimenti specifici e manifestazioni, per altro lodevoli. Se non si diffonde coscienza, misura, morigeratezza, e attenzione l’umanità farà sempre del male alla natura. Il consumismo devata l’ambiente, con l’inquinamento, i test cosmetici, il consumo di cibo inutile, etc. Inoltre il Papa ha parlato chiaramente del rispetto verso la natura.

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Marco! dici che il Papa ha parlato chiaramente del rispetto verso la natura, parlare non basta, per me contano i fatti: gli animali non fanno parte della natura?

      Hai scritto “La chiesa tende a costruire l’uomo, che di conseguenza rispetta il creato”, non ho capito cosa intendi con questa frase… se la chiesa costruisce l’uomo che a sua volta rispetta il creato, in teoria anche la chiesa dovrebbe rispettarlo visto che crea l’uomo.. perdonami ma non l’ho capito, se vuoi spiegarmi di nuovo il concetto te ne sarei gratissima :)

      Hai detto una cosa spettacolare: la chiesa costruisce l’uomo. E’ vero, la chiesa costruisce l’uomo e lo fa da molto tempo, ed è anche vero che negli ultimi anni gli uomini stanno riscoprendo la necessità di una loro individualità, di ritrovare se stessi, liberandosi dai condizionamenti creati da un’istituzione, un gruppo, o dalle stesse persone che li circondano. Questo secondo me si può fare attraverso il dialogo e la condivisione, e il tutto fatto con morigeratezza, come dici tu. Questa è la parola che mi ha colpito di più. Grazie del commento. Ti abbraccio e spero verrai anche tu a Roma il 4 ottobre.

      Rispondi
  10. Silvia

    Amo il mio prossimo, ma ancor di più AMO gli animali, xchè ho sempre ritenuto la loro esistenza uno dei doni più belli che Dio ci abbia donato….Sarò sincera..nn credo molto nella chiesa e in ttt coloro che ne fanno parte, xhè sanno predicare molto bene ,ma in quanto ai fatti nn sono concreti…..Sono felice xrò di sapere che esistono persone come Padre Tomasz che si batte x una causa x cui la chiesa nn ha mai preso parte……E’ verissimo che gli ANIMALI sono nostri fratelli e sorelle…(io ho sempre adottato questo pensiero) e in quanto tali li dobbiamo amare e rispettare, proprio come faremmo con un nostro simile !!!! Nn so se dal suo regno dorato, il Papa terrà conto dell’appello di Padre Tomasz e di ttt coloro che come me, nn fanno differenza tra il mondo umano e quello animale…. mi auguro di si…..Dio Ama TUTTE le sue creature allo stesso modo…noi saremo mai capaci di farlo?!!!!

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Silvia, il tuo messaggio è amore puro, bello perchè dici di amare tanto gli animali e non escludi le persone.. bellissimo. Tutti meritano di essere amati o almeno rispettati. Per il discorso della chiesa, credo siano molti ad aver perso la fiducia, però se molte persone dicono che saranno a Roma il 4 ottobre per partecipare a questo evento (secondo me Grandioso) è perchè un briciolo di fiducia ancora lo abbiamo. Non mi piace far di tutta un’erba un fascio e credo che nella chiesa ci sia il bello e il meno bello come in ogni cosa, per me ci sono ancora preti vicini al nostro mondo, quello degli animali, solo che sono ancora pochi quelli che hanno il coraggio di dirlo a voce alta.. spero che quella del 4 ottobre sarà un’occasione anche per loro. Sono tanto curiosa di vedere quale sarà la reazione della chiesa. Grazie Silvia. spero ci sarai anche tu a Roma quel giorno. Ti abbraccio

      Rispondi
  11. Silvia

    Ciao Laura…vedi come l’amore x gli animali avvicina di più le persone?… Molto spesso, sono proprio loro che ci fanno incontrare e conoscere anche se, come in questo caso, solo in modo virtuale!!! Ma io so che al di là della scrittura, c’è una persona buona che come me vorrebbe un mondo migliore dove ttt amano ogni essere vivente….purtroppo nn è così..e, ttt i gg dobbiamo fare i conti con la cattiveria umana …molto spesso gratuita!!!!! Spero che l’incontro del 4 ottobre, porti ad un risvolto decisivo sul DIRITTO alla VITA e il RISPETTO verso TUTTI gli animali !!!! Ciao Laura, è stato un piacere risponderti e…si.. farò del tutto x esserci quel giorno !! Ti abbraccio e ti mando un caro saluto …. P.S. se vuoi possiamo condividere l’amicizia su fb….cerca Silvia De Cinti….sarai la benvenuta !!!!!!

    Rispondi
  12. gianmaria

    Mi fa estremamente piacere sapere di religiosi che come il Fratello Francesco, amino gli animali…. Gesù amava tutte le Sue creature e le difendeva….il Vaticano sovente dimentica….che Dio possa illuminate tutti noi al rispetto di creaturre meravigliose come gli animali!

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      in tre righe hai detto cose che si possono imparare leggendo libri interi.. non aggiungo altro.. solo che ti stimo e ti abbraccio. Grazie Gianmaria

      Rispondi
  13. patrizia

    anche il dott. Albert Schweitzer, medico missionario e musicista, premio Nobel per la Pace 1952, aveva scritto una preghiera per gli animali, che lui dedicava loro fin da bambino, quando lo facevano pregare per l’umanità e tutto il resto, ma non si spiegava perché non venivano mai nominati gli animali nelle sue preghiere, allora ci pensò su:

    Fin dalla mia più tenera infanzia ho sentito il bisogno di avere compassione per gli animali. Ancor prima di andare a scuola non riuscivo a capire perché, nella preghiera della sera, dovevo pregare soltanto per delle persone. Per questo, dopo che mia madre mi aveva fatto ripetere la preghiera e mi aveva dato il bacio della buona notte, in segreto aggiungevo una preghiera per tutti gli esseri viventi, composta da me. Diceva così: “Buon Dio, proteggi e benedici gli animali e tutto ciò che ha respiro, difendili da ogni male e fa’ che dormano tranquilli.”
    _________________________________________
    Dobbiamo non soltanto non uccidere, ma – se è possibile – conservare la vita […] tenete gli occhi aperti: non perdete occasione di essere misericordiosi. Perciò, non ignorate con noncuranza il povero insetto caduto in acqua, ma pensate che cosa significhi lottare per non affogare. Aiutatelo dunque, servendovi di un uncino o di un legnetto; e se poi si pulirà le ali, vi mostrerà qualcosa di meraviglioso: la fortuna di aver tratto in salvo la vita… di aver agito per incarico e per conto dell’onnipotenza di Dio. Il verme smarrito sulla terra dura muore perché non può penetrarvi. Voi deponetelo su un terreno ricco o sull’erba: «Ciò che avete fatto a uno di questi piccoli, l’avete fatto a me». Queste parole di Gesù si applicano a ogni nostra azione nei confronti delle creature inferiori. (da La melodia del rispetto per la vita. Prediche di Strasburgo, a cura di Enrico Colombo, Edizioni San Paolo, 2002, p. 56)

    Rispondi
    1. Lauralaura Autore articolo

      ciao Patrizia, ti sarò sempre grata per questo messaggio bellissimo, spero che lo legga più gente possibile. Sei stupenda e mi piacerebbe avere anche la tua amicizia su Facebook perchè mi sento molto in sintonia con te (basta che cerchi Lota.. se ti va) poi la cosa più bella, le famose coincidenze “che tali non sono”, l’ultimo articolo che ho scritto parla proprio di una formichina che stava annegando in un bicchiere d’acqua.. Grazie grazie grazie

      Rispondi
  14. patrizia

    ciao, Laura, grazie per gli apprezzamenti, ma non sono mie le parole scritte nel commento, appartengono a premio Nobel citato lì sopra, anche per questo l’hanno premiato :-), a me fanno lo stesso effetto , suonano perfette, magari fossero mie !!!
    ti consiglio la lettura dei suoi libri , che è veramente un’esperienza spiritualmente appagante. Quanto a facebook, non ho ancora il profilo..grazie ugualmente Patrizia

    Rispondi
  15. Al Gek

    Sono felice di questa notizia.
    Mi kiedo xò a quali animali si riferisce…se comprende tutti gli animali o solo una parte…

    Saluti.

    Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      ciao Al Gek, il mio intuito ed il mio cuore mi dicono che si riferisce a tutti gli animali, credo che chi ama così fortemente gli animali al punto da creare un’iniziativa del genere, non possa escludere alcun essere. Ti racconto una cosa simpatica: stamattina come prima cosa quando mi sono svegliata sono andata a salutare la mia amica cimice che da qualche giorno soggiorna su una fogliolina della mia piantina. Le voglio un bene infinito e credo che tu mi capisca benissimo, visto che hai fatto questa domanda. Ti ringrazio tantissimo per il commento e ti auguro una giornata stupenda, anzi una vita stupenda. Grazie

      Rispondi
  16. LauraLota Autore articolo

    ciao Emilia! grazie per il tuo contributo.. tanti infatti non riuscivano ad accedere al suo sito. Grazie anche per averci dato la mail e l’indirizzo del suo account, non sapevo ne avesse uno e gli ho appena chiesto l’amicizia. Grazie per tutto, sei già speciale per me e grazie a Tom Animalpastor che mi ha permesso di conoscere te. Ti abbraccio

    Rispondi
  17. Ben

    Buongiorno.Per caso si conosce l’ora circa dell’arrivo di questo bravissimo prete in piazza San Pietro?Giusto per regolarsi e sincronizzarsi.Grazie mille

    Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      Buongiorno Ben, non c’è un orario preciso, c’è una data, martedì 4 ottobre.. comunque credo potremo incontrare Tomasz Jeschke in qualsiasi orario della giornata, e forse riusciremo a vederlo anche nei giorni precedenti, visto che si troverà nei paraggi già 2 giorni prima.. ma ricordiamoci che I primi 2 giorni rimarrà in silenzio e digiuno, solo il 4 ottobre comunicherà verbalmente con noi. Quindi ci sarai anche tu? ciao Ben, ti auguro una giornata stupenda.

      Rispondi
  18. AlbaCentroInfinito

    Così ho risposto su Fb a chi giustamente rispondeva – a questo vostro importante articolo che ho lì riportato – che la chiesa Cattolica è composta da uomini e non da Angeli buoni:

    E già! E’ così, è un fatto: è composta, per la maggior parte di uomini (maschi) non risvegliati.
    Un fatto è che la Chiesa Cattolica (che non è l’unica depositaria dell’Energia Cristica!- e non intendo qui più discuterne!) è, per sua dichiarata natura, una dei custodi di quelli che sono chiamati “Misteri Minori”, che portano (quando possibile) l’essere umano fino all’esoterica (ovvero interna alla Coscienza) 2a Iniziazione, quella per noi rappresentata da Gesù con il suo Battesimo nel Giordano, ovvero l’iniziazione che suggella, nell’iniziato, l’autopurificazione di una certa percentuale di energia del Corpo Emotivo. Deve quindi essere ancora compiuta la purificazione del Mentale e del resto dell’Emotivo ed infine della Personalità integrata che si dovrà integrare nel Corpo Causale o Anima e poi, nell’Ascensione, questa nel Corpo Buddhico (o comunque lo si voglia chiamare) dello Spirito o Monade.
    II “Misteri Maggiori” sono ben altro ed in grande parte non sono più “misteri”, visto il livello ed il numero della Canalizzazioni e dei messaggi che ci arrivano!
    Ma continuano ad esserli per chi non ha il LIVELLO COSCIENZIALE CHE PERMETTA DI COMPRENDERLI. (Ma attenzione a dirgielo, perché si possono offendere!)
    Ecco perché, salvo alcuni casi, è una Chiesa (come la stragrane maggior parte!) composta da esseri umani e non da “Angeli buoni”!
    Chiaramente, in questo non vi è colpa, ma la responsabilità karmica, anche dell’irresponsabile, rimane!
    Il procurare torture agli animali mangiando carne (poiché così è!), non sarà lasciato indietro dalla Legge del Karma, per chi rimarrà andrà nella Terra di 3a dimensione col passaggio di questa in 5a!
    Il Karma che gli animali hanno messo in ato è stato da loro già pagato, e noi continuiamo…

    Per delucidazioni:
    http://www.bailey.it/alice-bailey/Da-Betlemme-al-Calvario.pdf
    Un abbraccio… vero! :-)
    Alba CentroInfinito Sangermano.

    Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      ciao Alba, il tuo commento è ricchissimo.. hai scritto cose forti e vere e ti ringrazio tantissimo. Forse l’errore nasce proprio dal fatto che, come dici tu, ci sono soprattutto uomini nella chiesa, credo sia proprio quello il motivo di tanta infelicità.. se è vero che il dolore è uguale per tutti, è anche vero che il piacere è uguale per tutti! A questi uomini è vietato fare sesso e tutte le altre cose che fanno parte della nostra e della loro natura (perchè sono stati partoriti nello stesso modo in cui siamo stati partoriti noi non laici). Perchè poi ci si meraviglia se non hanno la serenità nel cuore per comprendere che la vita umana ha lo stesso valore della vita di un animale? Credo anch’io nella Legge del Karma. E credo che nella chiesa ci siano ancora uomini che possono raggiungere la consapevolezza di tutto quello che hai scritto, Tomasz Jeschke ne è l’esempio.. e sento che il 4 ottobre un cambiamento ci sarà. Grazie ancora Alba. Ti abbraccio anch’io

      Rispondi
  19. armanz

    Ma basta con queste cavolate!!! Possibile che questi amici degli animali parlino solo di cani, gatti e canili?? Sono solo questi gli animali? Forse il ns caro prete nn ha mai visitato gli allevamenti / macelli lager dove ogni giorno vengono uccisi in maniera crudele e provando atroci sofferenze migliaia di animali, per essere poi mangiati. Nn sa il ns prete che dopo la pistolettata in testa il vitellone nn muore, e ancoravivo viene appeso per una zampa ad un gancio che gli strappa tendini e muscoli facendolo urlare dal dolore, per portarlo poi da un altro boia che gli apsorta le budella, ovviamente mentre è ancora vivo. Nn sa che le mucche dopo essere nutrite a mangimi chimici, dopo otto anni vissuti nei loro escrementi in cui gli viene succhiato più volte al giorno il latte vengono macellate (vivrebbero 40 anni) altrimenti contrarrebbero il cancro per ciò che hanno mangiato. Nn sa che i poveri vitellini appena nati vengono strappati all’amore della mamma, piangono per giorni, dopodichè vivranno la loro breve vita in un mt per due mangiando concimi chimici. Nn sono animali che soffrono questi, animali innocenti che non farebbero male a nessuno se lasciati liberi ?? Ma no, meglio discutere con il ns papa di cani e gatti, magari davanti ad una bella bistecca.. SE AMI GLI ANIMALI NON MANGIARLI…

    Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      ciao armanz, non so se hai letto l’articolo fino in fondo o se hai letto qualche altro articolo di questo blog.. Probabilmente no, altrimenti non avresti lasciato questo commento. Parlo spesso di Vegetarianismo e del rispetto di tutto ciò che vive. Per me essere vegetariani significa non mangiare neanche il pesce perche anche i pesci sono animali.. sei d’accordo con me? Non amo far di tutta un’erba un fascio, per me c’è del bello e del meno bello in tutto e in tutti, anche fra i religiosi. Non conosco ancora bene Tom Animalpastor ma credo che conosca bene tutto quello che hai scritto nel commento, altrimenti non si sarebbe messo in gioco per aiutare gli animali, affrontando un lungo e costoso viaggio e accettando di dormire con i cani. Se vuoi toglierti ogni dubbio puoi chiedergli l’amicizia su Facebook e parlare con lui direttamente, vedrai fra le sue foto tantissimi animali e non solo cani e gatti. Io comunico con lui utilizzando i traduttori perchè non conosco il tedesco e nemmeno il polacco. Se vuoi puoi farlo anche tu. Grazie del commento. Ciao :)

      Rispondi
  20. armanz

    Ciao Lola,
    innanzitutto apprezzo molto ciò che fa Tomasz Jeschke, specie se riuscirà a dare un po’ di visibilità mediatica alla causa. L’articolo l’ho letto bene, ma il commento forse l’ho scritto un po’ troppo di getto. Io sono vegano, per me nn ci sono animali di serie A e animali di serie B, spesso però e specie dal punto di vista mediatico si parla solo di abbandono, di cani e gatti, giustissimo (premetto che ho sia cane che gatto), ma il resto? Ciò mi irrita parecchio, specie da quando ho conosciuto persone che mi hanno raccontato ciò che ho scritto in precedenza, avendo visitato un macello – lager. Dopo mesi facevano ancora fatica a raccontare le atrocità viste su quelle povere bestie, le urla di sofferenza continue, e la morte che arrivava come una liberazione. A mio avviso sono queste le cose che bisogna portare all’attenzione delle masse, insieme ad una corretta informazione. Sono battaglie durissime, ci si scontra con poteri fortissimi, multinazionali del farmaco, del macello, degli ogm…
    Gli chiederò sicuramente l’amicizia su fb. Grazie :)

    Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      ciao! apprezzo tantissimo il tuo commento :) io credo che la condivisione nel web sia uno strumento efficacissimo per chi vuole aiutare gli animali anche solo in modo virtuale (è pur sempre qualcosa).. condividere per me significa condividere da qualsiasi blog, non per forza questo, l’importante è che fra i vari postini carini e pieni di fiorellini e cuoricini(che vanno benissimo) la gente di tutto il mondo veda anche questi messaggi. Io ad esempio ho scelto di eliminare carne e pesce e latte (per ora) grazie a facebook.. sapessi a chi dire grazie lo farei, peccato che non ricordo, era uno dei tanti post che ti passano davanti, eppure è scattata la scintilla e la mia vita è diventata ancora più luminosa.

      Anch’io spero che le cose cambino dopo il 4 ottobre.. qualcosa dovrà succedere perchè se il Papa si fa vivo qualcosa dirà e lo ascolteremo con le orecchie tesissime, se non si farà vivo credo che molte persone praticanti smetteranno di esserlo, forse mi sbaglio ma sicuramente la fiducia verso la chiesa calerebbe. In entrambi i casi vedo qualcosa di positivo. Mi piacerebbe avere la tua amicizia su facebook , se ti va. Ciao, grazie ancora e a presto! :)

      Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      ciao Carmelo, grazie del commento. Credo che la chiesa non sia fatta di uomini tutti uguali. Ultimamente ho sentito di diversi preti che ne sono usciti, per questo sono convinta che sia possibile migliorare le cose, e non credo di essere l’unica ad avere questa convinzione altrimenti non saremmo nemmeno qui a scriverne. Intanto andiamo a Roma il 4 ottobre a dare una mano (lo si può fare anche da casa col pensiero e col cuore) a Tomasz Jeschke. Essere pessimista oppure ottimista costa uguale, per questo scelgo la seconda. Grazie ancora, ciao :)

      Rispondi
  21. Pingback: Il coraggio di un prete in difesa degli animali | MEGLIO CON LA CODA

    1. LauraLota Autore articolo

      ciao! mi piace poter dare ai lettori anche la possibilità di trovare altre informazioni interessanti.. per questo ho aggiunto il tuo link nel Blogroll di Animal Vibe :)

      Rispondi
  22. sabina

    non ho potuto incontrare questo uomo meraviglioso……ma lo ammiro e lo amo per quello che fa e per l’amore verso queste splendide creature

    Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      ciao Sabina, non sono una che viaggia molto, a dire il vero non ero mai stata a Roma nemmeno per altri motivi ma questa volta ho sentito che dovevo andarci.. eravamo in pochi ma abbiamo iniziato un qualcosa di nuovo.. ora sta a tutti noi portare avanti i messaggi di rispetto verso gli animali.. ogni giorno mi rendo conto che gli amanti degli animali sono davvero tanti, sempre di più.. e credo sia solo una questione di consapevolezza, di comprendere che tutto ciò che nasce, nasce per un motivo e per questo merita rispetto. Chissà, magari al prossimo evento ci sarai anche tu. Ti abbraccio :)

      Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      si, lo credo anch’io. Tom è una persona semplice e vera, è stato un piacere conoscerlo a Roma lo scorso ottobre e il 29 gennaio alle 19:00 ci sarà una sua intervista su RadioVibe, la web radio amica degli animali. Consiglio a tutti di ascoltare perchè ne vale la pena! :-) ecco il link http://bit.ly/ztRDKr

      Rispondi
  23. Pingback: Homepage

  24. Alberto

    Questa notizia mi riempie di gioia. Fanno santi ormai pinco pallini di tutti i generi, e i veri santi neanche vengono ascoltati.
    Grazie Padre Jeschke, lei è davvero un rappresentante del Buon Dio.

    Rispondi
    1. LauraLota Autore articolo

      siiii… e pensa che lo scorso ottobre a Roma ho parlato più con l’interprete che con lui, per questo vorrei rivederlo e conoscelo meglio.. se ti va alla prossima manifestazione di Tom in Italia ci andiamo insieme, che ne dici? :-)

      Rispondi
  25. antonio

    Mi dispiace moltissimo ma sono diventato invalido per 8 ernie ai dischi intervertebrali (operato senza risultati) e rottura del femore che dopo un anno mi fa ancora male quando cerco di mettermi in piedi. posso fare solo pochi metri con le stampelle. per gli animali posso solo rispondere alle petizioni e divulgarle. Passo ore davanti al pc perche’ è il solo modo per fare qualcosa per loro. GRAZIE per l’invito. Conto su di voi.

    Rispondi
  26. LauraLota Autore articolo

    ciao Antonio, è già tanto quello che fai.. firmare le petizioni e divulgare è una cosa utilissima per i nostri fratellini animali.. Conta molto anche il pensiero che, se unito a quello di tante altre persone, può fare miracoli! Ti auguro una giornata bellissima e ti abbraccio.. grazie del commento e a presto! :-)

    Rispondi
  27. Mariangela Lesmo

    Ho letto l’articolo su Padre Tomasz e il resto della corrispondenza: mi si è allargato il cuore perchè, anche se in grande minoranza, nel mondo ci sono ancora tante persone buone che sanno AMARE nel vero senso della parola. Grazie. Mi sono commossa e mi sono sentita per un poco meno sola. Conto d’ora in poi di dare un’occhiata, ogni giorno, a questo sito meraviglioso e tutti gli articoli interessanti che pubblicate.

    Rispondi
  28. LauraLota Autore articolo

    Ciao Mariangela, anch’io ascolto spesso l’intervista perchè anche su di me fa lo stesso effetto, mi apre il cuore e mi dà coraggio e .. si, anch’io credo ci siano tante belle persone, sento che una di quelle sei tu. Ti ho chiesto l’amicizia su facebook :-) Ti auguro una splendida giornata cara, a presto! :-)) Grazie

    Rispondi
  29. Tarcy

    Grazie prete, o se posso chiamarti padre ..guidaci nel Tuo cammino e se Ti guarderai indietro vedrai solo un mare di NOI stessi che Ti seguiranno per arrivare alla meta di ciò che stai portando avanti per migliorare il mondo..
    Grazie non abbandonarci Ti siamo vicini anche quando il “gallo canterà tre volte”
    Stai dando luce spirituale per un mondo miglore …

    Rispondi
  30. LauraElisabetta Lelli Autore articolo

    Meraviglioso, questo vero uomo di Dio!
    Se vi fosse più sensibilità verso gli altri, tutti gli altri, saremmo veramente benedetti da Dio e dalle nostre stesse coscienze.

    Grazie, Laura!
    Eli

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook