I viaggi astrali ci aiutano a migliorare i rapporti con gli altri, con gli animali e soprattutto con noi stessi

Cinque mesi fa ho iniziato a leggere un libro sui viaggi astrali. L’autore è William Buhlman e il suo è un argomento che mi affascina molto. I viaggi fuori dal corpo sono esperienze che facciamo mentre dormiamo, ci portano in altre dimensioni e ci aiutano ad evolvere, a trovare delle risposte.. può succedere anche di incontrare degli animali. Dopo aver letto il libro Avventure Fuori dal Corpo di Buhlman, ho iniziato a mettere in pratica le tecniche di cui parla l’autore e una notte ho fatto un sogno lucido nel quale ho incontrato Claretta, una femmina di Schnauzer gigante che è rimasta nel mio cuore nonostante sia passato molto tempo dall’ultima volta che l’ho vista.

Diversi anni fa, dopo la separazione dal mio ex marito, sono tornata a vivere con i miei genitori lasciando a lui Claretta perchè i miei avevano 5 gatti e sarebbe stato davvero impossibile farli convivere con un cane così vivace.

Appena potevo andavo a prenderla e la  tenevo un pò con me.. poi un giorno non l’ho più trovata, lui è sparito e ancora oggi nessuno sa dirmi dove sia andato a vivere. Non so nemmeno se Claretta sia ancora in questa dimensione, visto che sono passati diversi anni, eppure io la penso continuamente e il desiderio più grande è quello di riabbracciarla!

Il sogno lucido è stato questo: ero in montagna, sopra una roccia lungo un torrente, un cane nero mi veniva incontro saltando da una roccia all’altra. Ho aperto le braccia per accoglierlo, lui mi ha raggiunto e si è messo al mio fianco. Quasi contemporaneamente un enorme uccello azzurro iniziava a volare sopra di noi, era molto vicino. L’ho salutato e presto mi sono accorta che c’era una forte intesa fra quell’uccello e il cane.

Era tutto così bello da non distinguere il vero dall’irreale. Difficile da spiegare ma credo che anche a te sia successo di fare qualche sogno premonitore, dove sai che stai sognando e nel contempo sai che stai vivendo davvero quell’esperienza. Per questo motivo gli esperti lo definiscono “sogno lucido”. La cosa interessante è che solo dopo qualche giorno ho avuto un flash mentale e ho capito che quel cane nero era Claretta e che forse quel grande uccello azzurro rappresentava il Cielo o la dimensione in cui ora lei corre felice.

Qualche mattina dopo mi sono svegliata con una visione: io  camminavo in un bosco, leggermente in salita e al mio fianco ho intravisto delle zampine.. era tutto un pò annebbiato ed è durato pochissimo, almeno così ricordo, anche se pare che nelle altre dimensioni il tempo abbia un valore diverso. Forse era un breve viaggio astrale, o forse solo un sogno lucido, in ogni caso è stato molto bello! per un attimo mi sono sentita davvero completa, insieme a Claretta.

La cosa strana è che quando l’ho vista l’ultima volta era già grande mentre nel viaggio astrale, o sogno lucido, lei era ancora piccola e con il pelo corto, come quando ci siamo incontrate per la prima volta.

Non vedo l’ora di leggere un altro libro di  William Buhlman  e intanto ti lascio il link ad un suo video, sicuramente ti spiegherà meglio che cos’è un viaggio astrale.

Non credo di aver fatto un vero e proprio viaggio fuori dal corpo, forse non sono ancora pronta per questo, eppure da quando metto in pratica le tecniche di questo libro mi capitano cose bellissime.


Condividi



13 pensieri su “I viaggi astrali ci aiutano a migliorare i rapporti con gli altri, con gli animali e soprattutto con noi stessi

  1. gnuvagabunda

    Non avevo mai sentito parlare di “viaggi astrali” e devo dire che l’esperienza mi incuriosisce molto, così come la lettura di “Avventure fuori dal corpo”. A me è capitato qualche volta di sognare animali parlanti, ma sempre animali che avevo conosciuto personalmente.

    Replica
    1. LauraLota Autore articolo

      ciao! interessanti i tuoi sogni di animali parlanti.. ti consiglio con tutta me stessa di approfondire l’argomento perchè ti darà molte soddisfazioni ;)

      Replica
  2. fiorella

    ciao!bellissimo il tuo viaggio astrale inconsapevole perchè proprio di questo, penso, si tratti.
    Capita da anni anche a me,non sono previsti, non sono consapevoli, ma mi ritrovo nell’altra Dimensione e anch’io ho incontrato una cagnolina che mio figlio anni addietro aveva preso da un canile ma che per uno spavento era fuggita e mai più ritrovata.L’ho vista correre felice e così ho saputo che aveva lasciato questa miserevole vita per un’altra decisamente migliore.
    Ma ho incontrato anche persone a cui ero legata, ho avuto suggerimenti, conforto, abbracci.
    I sogni premonitori sono un’altra cosa; i viaggi in astrale sono vere e proprie “trasferte” nell’Oltre, invece nel viaggio astrale consapevole c’è una seria preparazione e solitamente all’uscita dal corpo (la prima volta è terrificante) si visualizza il famoso cordone d’argento.
    Io ho incontrato quello che poi sarebbe diventato mio nipote prima ancora che fosse concepito ed è stato meraviglioso!
    anch’io ti consiglio di approfondire l’argomento, ne trarrai solo giovamento!
    Anch’io ti consiglio di approfondire l’argomento,

    Replica
  3. Irene

    Sono passati diversi anni da questo sogno che voglio raccontarti, è l’unico che io ricordi così intensamente e con un’emozione tanto forte: pioveva molto, ero arrivata nella mia casa in campagna e il rumore della pioggia era forte. Vidi le luci del primo piano accese e realizzai che qualcuno stava dando una festa(mia cugina probabilmente)…Da lì proveniva una musica soffocata dai vetri e dal temporale. Questa musica l’ho cercata poi negli anni perchè volevo ascoltarla, conoscerne il significato, ma non avevo idea del titolo che avesse per poterla trovare, registrai persino la melodia per non scordarmela!Ma torniamo al sogno: sotto la pioggia,e con la musica che faceva da colonna sonora, arrivò correndo Diana la mia cagna morta già da qualche anno e il nostro abbraccio fu commovente!Rivivo ancora l’emozione!…Bene, quell’incontro fu talmente forte che chiamarlo semplice sogno non rendeva giustizia!Amando molto il mio cane e continuando a pensarlo sempre con eccessiva nostalgia, continuai a cercare la canzone. Due anni fa finalmente la trovai alla radio “dust in the wind”era il titolo(sicuramente conosciuto da molti ma non da me).Questo dice:<>…non sembrano parole casuali. Non è l’unico sogno particolare che ho vissuto così, ma in questo spazio sentivo di raccontare questo. Non accetto che si dica che gli animali non abbiamo un’anima…Un padrone che ha provato tanto amore non può accettarlo e vivere serenamente con un pensiero “di addio”.

    Replica
    1. Irene

      Sono passati diversi anni da questo sogno che voglio raccontarti, è l’unico che io ricordi così intensamente e con un’emozione tanto forte: pioveva molto, ero arrivata nella mia casa in campagna e il rumore della pioggia era forte. Vidi le luci del primo piano accese e realizzai che qualcuno stava dando una festa(mia cugina probabilmente)…Da lì proveniva una musica soffocata dai vetri e dal temporale. Questa musica l’ho cercata poi negli anni perchè volevo ascoltarla, conoscerne il significato, ma non avevo idea del titolo che avesse per poterla trovare, registrai persino la melodia per non scordarmela!Ma torniamo al sogno: sotto la pioggia,e con la musica che faceva da colonna sonora, arrivò correndo Diana la mia cagna morta già da qualche anno e il nostro abbraccio fu commovente!Rivivo ancora l’emozione!…Bene, quell’incontro fu talmente forte che chiamarlo semplice sogno non rendeva giustizia!Amando molto il mio cane e continuando a pensarlo sempre con eccessiva nostalgia, continuai a cercare la canzone. Due anni fa finalmente la trovai alla radio “dust in the wind”era il titolo(sicuramente conosciuto da molti ma non da me).Questo dice:<>…non sembrano parole casuali. Non è l’unico sogno particolare che ho vissuto così, ma in questo spazio sentivo di raccontare questo. Non accetto che si dica che gli animali non abbiamo un’anima…Un padrone che ha provato tanto amore non può accettarlo e vivere serenamente con un pensiero “di addio”.

      Replica
    2. LauraLota Autore articolo

      ciao Irene, bellissimo il tuo sogno, anzi il tuo viaggio. Quando iniziamo a sperimentare i viaggi astrali ci avviciniamo sempre di più al pensiero che la vita non è solo una e che rivedremo tutte le persone e gli animali e le piente e i fiorellini ai quali siamo stati legati.. Sono certa che la rivedrai e spero di incontrarvi anch’io un giorno.. che emozione se ci penso! Ti ringrazio tantissimo per l’emozione che sto provando a scriverti dopo aver letto le tue parole.. Interessantissima anche la tua ricerca della canzone con il titolo “non casuale”. E’ un sentimento molto forte anche se non ti conosco.. ti abbraccio forte e ti voglio bene. Mi piacerebbe sentire la canzone, sai chi è l’autore? grazie.. a presto

      Replica
  4. Alberto

    Il video è solo un’introduzione, me ne rendo conto. Ma non si dice niente di concreto. Tentare di dare risposte è quello che ogni persona dotata di sensibilità cerca di fare ogni giorno. Purtroppo a me, le domande, creano solo altre domande o risposte terribili. Spero tanto di non aver capito qualcosa.

    Replica
  5. Alberto

    Ne ho letti tantissimi sulla premorte, che in effetti è qualcosa ancora oltre al viaggio astrale. Bene, benissimo…ma la domanda è sempre la stessa: sarà vero?

    Replica
    1. LauraLota Autore articolo

      Prova a leggere qualcosa sui viaggi astrali a meno che tu non voglia provare un’esperienza di pre-morte, spero di no :-) se leggi, fallo con tranquillità, senza aspettarti subito qualcosa.

      Replica

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>