Visualizzazione di vite precedenti

Ho scritto diversi articoli che parlano degli animali e del rispetto che meritano, lo stesso rispetto che meritano gli umani, non credo si possa fare distinzione fra una vita e l’altra. Ho scritto anche di veganismo e di Karma, per aiutare chi ancora non ne fosse a conoscenza, a comprendere che tutto quello che facciamo tornerà indietro e non sono io a dirlo, è un argomento portato avanti da secoli da quasi tutte le culture. Ultimamente pubblico ricette vegan per dare una mano a chi vuole avvicinarsi ad un’alimentazione senza crudeltà, non mi piace dire cosa non andrebbe fatto senza dare le alternative. Scrivo anche di argomenti che riguardano gli animali umani, perchè credo che conoscere meglio noi stessi, attraverso il confronto con gli altri, ci aiuti ad accettarci ed amarci maggiormente, portandoci in uno stato di armonia tale da farci accorgere che  “ogni vita vale” e che ogni individuo è collegato a tutto e tutti. Oggi racconto qualche altra mia avventura accaduta anni fa. Sperimentato il mio primo viaggio astrale, sono rimasta sdraiata sul letto a godermi quel meraviglioso senso di pace e poco dopo ho avuto delle visualizzazioni spontanee molto interessanti… In una di queste ho visto Nello in un’epoca lontana, era appoggiato ad una carovana, con abiti semplici e l’aria fiera.. Quando gli raccontai quello che avevo visto, Nello disse che ci avevo azzeccato in pieno. Essendo da quasi 30 anni un ricercatore nel campo delle energie sottili, era a conoscenza delle sue vite precedenti, in una di queste era un venditore di spezie e trasportava la merce con una carro.

..Nella seconda visualizzazione invece vidi me stessa, probabilmente nel luogo dove sarei morta. Anch’io ero vicina a delle carovane, ero una bambina di circa 8 anni, con un foulard in testa e il viso tutto impolverato. Il dettaglio che mi impressionò di più fu l’espressione di rassegnazione impressa sul volto. Le carovane erano ferme, bloccate in cima ad una salita dalla quale non si poteva proseguire..

In quel periodo mi interrogavo spesso sulle mie vite precedenti, ed ecco giungere in risposta la visualizzazione che ho appena descritto. Vivevo in Valle d’Aosta e chissà perchè ogni volta che passavo in auto sulla Mongiovetta, mi venivano in mente le mie origini, in particolare la mia nascita fisica.

Apro una parentesi, non ricordando come si scrive il termine “Mongiovetta” ho fatto una ricerca su google ed ho scoperto che Mongiovetta è il nome di un tratto della strada che porta da Ivrea ad Aosta,  precedente all’attuale tracciato aperto nel 1771. La Mongiovetta si arrampicava sul Montjovet seguendo il ripido tracciato dell’antica via delle Gallie, unico passaggio possibile; “Particolarmente paventata era la Mongiovetta, salita nota come la più ripida tra Aosta ed Ivrea, che obbligava i postiglioni delle diligenze a far smontare i passeggeri per non stroncare definitivamente i propri cavalli da tiro…”  Che bella scoperta, decisamente ricollegabile alla mia visualizzazione delle carovane bloccate ed una sincronicità avvenuta durante la scrittura di questo post, che bello!

Un giorno, sempre sulla stessa strada, il mio occhio cadde su un numero scritto sopra ad una roccia, era il numero 3, che è il numero della mia data di nascita. Sento che esiste un legame tra quel luogo, quel numero e la visualizzazione delle carovane.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook