Il cannibalismo esiste ancora?

cannibaliFu il conseguente passaggio dell’uomo dalla foresta alla savana, il motivo per cui egli incominciò a nutrirsi con la carne di altre specie. Ma questo non cambiò mai le sue caratteristiche, infatti i canini non si sono allungati e l’intestino non si è accorciato neppure con il passare delle tante generazioni. Ed è stato un bruttissimo salto, non in avanti, ma nell’abisso più profondo. Infatti prima l’uomo si nutriva di frutta e di erbe, poi in loro mancanza dovuta a cambiamenti climatici, ha dovuto arrangiarsi causa forza maggiore, quella causa che oggi non esiste più.

Molti studi ormai hanno realizzato a quante patologie, alcune molto gravi come il cancro, va incontro l’uomo che si nutre di carne. L’uomo è fatto di carne e non per mangiarla, non vi siete mai soffermati, per un attimo solo, a riflettere sul cannibalismo? Tutti inorridivamo scoprendo che in qualche villaggio della foresta esistevano uomini chiamati cannibali perché mangiavano carne di uomini bianchi, beh ad oggi nulla è cambiato, siamo cannibali esattamente ora come all’ora. E’ vero che cannibalismo significa mangiare carne dei propri simili, ma siccome noi e gli animali siamo molto simili, non vedo molta differenza tra mangiare la carne umana e quella di altri esseri con gli occhi.

La carne inoltre crea aggressività e paura, che sono due sentimenti collegati, infatti una persona aggressiva è una persona che ha paura, ci hai mai pensato? Nutrendoci di quei pezzi di cadaveri, assorbiamo tutta la paura provata dall’animale nell’istante della morte ed anche la sofferenza che l’entità mangiata ha accumulato durante la sua esistenza negli allevamenti intensivi. Pensiamo per un attimo agli orrori delle guerre, in quel caso è la carne umana a diventare carne da macello. Notate quante similarità esistono tra uomo e animale? Dunque non nascondiamo più il capo nella sabbia, credo sia un dovere e un diritto di tutti rifletterci su.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook