L’orrore corre sul web

Mahadevi_dea_induQuesta notizia che giunge da un remoto villaggio dell’India è macabra e orribile, forse pensate che queste sono cose di altri tempi che avvenivano tra popoli selvaggi, non ancora civilizzati, e invece  non è così. La notizia riguarda una coppia che, dopo essersi rivolta ad uno stregone per problemi finanziari, ha deciso di sacrificare alle divinità induiste una bambina di 5 anni rapita nel loro stesso villaggio.Una vita stroncata per motivi religiosi, oppure possiamo chiamarla superstizione, in ogni caso la considero un’assurdità. L’evento risale al 2009 e la coppia è stata condannata al’ergastolo.

Ho intitolato questo articolo “L’orrore corre sul web” perché è una notizia raccapricciante, ma penso sia bene che anche queste notizie mostruose si sappiano. Magari chissà, forse farà riflettere qualche persona in più sull’inciviltà che regna ancora da parte nostra anche nei confronti degli animali indifesi. Quando viene toccato un essere della nostra specie ci ribelliamo e puniamo il colpevole, cosa che evidentemente gli animali non possono fare, perché vittime dei diabolici intrighi umani con le loro tante armi di distruzione. Questo stesso orrore si nasconde anche dentro a linde confezioni di carne che spiccano sui banchi delle macellerie e dei supermercati, quale storia di vita si nasconde dentro ad ognuno di quei pezzi di carne di creature morte per soddisfare la nostra ingordigia, non lo sapremo mai, perché non interessa a chi la fagocita.

Certamente questo scuoterà molte coscienze e darà adito a commenti che vorranno sottolineare la differenza della situazione, perché le persone sono sacre e gli animali no, l’uomo ha l’anima e l’animale no, e qui permettetemi di dissentire, perché è soltanto l’ego umano che ha innalzato la sua specie al di sopra di tutte le altre. Mi associo al dispiacere per questo brutale fatto commeso da carnefici vittime della loro ignoranza!

Fonte: ansa.it



2 pensieri su “L’orrore corre sul web

  1. antonella

    Condivido tutto ma mi sento di aggiungere una “piccola” osservazione,Questa storia sembra giustificabile,si fa per dire…fino a che si colloca l’accaduto in un remoto villaggio dell’India ma….. e se certe cose non fossero poi così lontane anche dal nostro “civilissimo e razionale” occidente? Pensa alle migliaia di bambini scomparsi e mai più ritrovati…alcuni andranno ad alimentare il traffico di organi ma….gli altri…….? Piccole riflessioni…grandi dubbi………….

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook