Le mie vite precedenti, l’ipnosi e le mie regressioni – Prima parte

visualizzazione_vite_passate_ipnosiQuando ho provato l’ipnosi regressiva di Brian Weiss, all’inizio l’ho utilizzata come strumento di rilassamento, poi con la pratica sono riuscita a visualizzare immagini vissute molti anni fa. Un giorno sono arrivata a vedere situazioni vissute nella mia infanzia, non credevo di riuscire ad andare oltre. Ascoltavo questo audio in maniera un po’ passiva, senza avere molte aspettative. E invece dopo un po’, sono riuscita a regredire, accedendo a qualche vita passata e di conseguenza ho iniziato a comprendere il motivo per cui ci sono alcune particolari cose che mi fanno stare male in questa vita…

Ero un uomo, non tanto alto ma fisicamente forte, vestito in modo elegante tipico di un’epoca che potrebbe essere il 1800, ricordo che portavo gli occhiali con lenti piccole e tonde, la forma tipica del periodo e che mi trovavo in un luogo piuttosto arido, in un paese. C’erano degli uomini che lavoravano per me, erano muscolosi, con i capelli lunghi e indossavano dei pantaloni in tela, forse jeans. Io mi incamminavo verso di loro, con un atteggiamento molto tranquillo, percepivo di non essere né temuto né detestato dai miei dipendenti, ma la sensazione era forse dovuta al fatto che io non ero in grado di percepire i sentimenti altrui. Non avevo alcuna sensibilità, vivevo nella totale indifferenza, gestivo un’attività e, pur sentendo di non essere una persona particolarmente cattiva, non mi facevo alcuna domanda e nemmeno sentivo il bisogno di condividere pensieri o emozioni con chicchessia. Il mio era un “vivere senza pensare a niente”, tutto filava liscio e non c’era il bisogno di pensare a qualcosa in particolare. In questa vita invece mi pongo molte domande e appena vengo a conoscenza di una tecnica, una ricetta o una persona per me interessante, ho subito voglia di condividere la cosa con gli altri, di scrivere nel blog e di parlarne con le persone che incontro. Allora invece vivevo una vita quasi priva di sentimenti…

Durante l’ipnosi ho cercato di mantenere la mia attenzione sulla scena in cui mi trovavo e ad un certo punto sono entrato (ero un uomo) in un edificio dove i lavoratori stavano portando qualcosa, vedevo le loro braccia e le loro gambe. Ho cercato di allargare la visuale e mi sono accorta che c’erano le pareti in legno e delle grandi vetrate, c’era molta luce ma non riuscivo a convincermi a guardare verso ciò che stava al centro della stanza, non ne avevo il coraggio. Dato il forte senso protettivo verso gli animali che mi caratterizza in questa vita, ho subito pensato che la mia attività dell’epoca si basasse sul loro sfruttamento, ma è solo una percezione e non posso dirlo con certezza. Forse – ho pensato – è per questo che in questa vita faccio di tutto per aiutare gli animali, ora mi trovo nella situazione opposta, proprio per provare anche questa esperienza.

In un’altra visualizzazione della quale parlerò nella seconda parte del post, le cose erano totalmente diverse, io ero completamente diversa: mi sono vista bambina e vivevo in Marocco.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook